sabato 28 novembre 2015

Croxetti, la pasta è firmata


Ecco i croxetti (pronuciati "crusgetti"), conosciuti anche come "corzetti del levante"; di epoca rinascimentale, si diffondono appunto nel levante ligure. Sono grosse medaglie stampate, inizialmente con una piccola croce su ambo i lati simbolo di buon auspicio; e da qui il loro nome: "crocette". In seguito, le ricche famiglie nobili, vollero farvi stampare su uno dei due lati, il loro stemma araldico con lo scopo di ricordare ai propri commensali l'importanza della famiglia e riaffermare così il loro dominio sul territorio. Noi li firmiamo con il nostro nome, certo senza pretendere di affermare o ricordare niente, ma ci è piaciuta l'idea.
Rimaneva solo di realizzarla. Si, ma come??? Beh, cosa ci vuole! 2 tocchi di legno e una passata sul tornio, un master per lo stencil che possiamo semplicemente stampare e usare come dima sulle facce dello stampo, e infine incidere tutto con una fresetta a mano. E certo che, detto così, scappa da ridere; ma... l'abbiamo detto e l'abbiamo anche fatto. Come dicevo: Che ci vuole??? Solo qualche mezza giornata di paziente lavoro e il gioco è fatto.
Vero però che, al primo tentativo, non avevo intuito che lo stampo con le scritte dovesse essere speculare; così il risultato era ottimo, ma la scritta era rovesciata. Pazienza, sbagliando si impara e insistendo infine..... si riesce.
Alla fine i croxetti sono fatti, cotti, conditi e impiattati; e fra cottura e condimento quel che si legge o si vede è davvero poco. Ma in fondo sono fatti per essere mangiati e non certo osservati.
Noi, spavaldi e imperterriti, continuiamo a firmarli augurando ai nostri ospiti che possano essere davvero di buon auspicio; e soprattutto, buon appetito.